Blog: http://vedo-la-terra-blu.ilcannocchiale.it

vedo-la-terra-blu: Usa e non più Usa


Più soldati, più armi e più controlli.
Di tutti i temi di politica internazionale, cruenti, scottanti, di portata imprevedibile (Sudan, petrolio, corsa della Cina a diventare prima potenza mondiale), continua a sgomentarmi il pantano iracheno, l’esecuzione di Saddam, la politica di Bush.
E non mi sembra cosa da poco il controllo che è stato deciso dagli Usa su tutti i passeggeri in arrivo, anche dall’Europa. Acquisizione di dati personali come l’e-mail e i movimenti delle carte di credito, e registrazione all’arrivo in America delle impronte digitali di tutte e dieci le dita.
L’ultima volta che sono andata a New York ci voleva già il passaporto elettronico (ma ora ci vuole ancora più elettronico!), prendevano le impronte di due dita, e facevano la scansione dell’iride.
Evidentemente non è abbastanza.
Eppure dopo l’11 settembre il terrorismo insanguina molte parti del mondo ma non gli Usa; misure simili non sono adottate altrove. E gli americani vogliono vivere sereni e sperare: così mi sembra dai contatti che ho e da quello che leggo.
Mi passa la voglia di tornare in questo Paese, che pure amo molto.
Chiudersì così – qualunque sia la ragione – significa implodere, morire.

Pubblicato il 9/1/2007 alle 15.27 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web