.
Annunci online

vedo-la-terra-blu
riflessioni al femminile per un mondo migliore


Diario


14 aprile 2007

vedo-la-terra-blu: da chinatown, milano

Ho proprio pochissimo tempo in questo periodo, anche se davvero mi dispiace trascurare il blog.
Dunque: la reazione della Chinatown cinese era preparata?
Fidatevi: vivo qui da 15 anni, ho amici cinesi, etc, etc, e la risposta è no!
I giornali in malafede hanno scritto che tutto è scoppiato per una multa: no, tutto è scoppiato per l'ENNESIMA multa, dal momento che il problema (reale) della vendita all'ingrosso che intasa il quartiere si risolve - secondo Moratti & C. - tagliando le gambe a un'economia radicata e importante a Milano e non solo, VESSANDO i commercianti cinesi e solo loro.
La protesta era nell'aria ma non bisogna pensare a premeditazione. Bisogna pensare che qui vive una comunità di famiglie (non di disperati soli) che lavorano (non rubano, non scippano, non chiedono l'elemosina, non lavano i vetri delle auto), e molto solidale (non come noi, che non conosciamo più neppure il vicino di casa). Sentito ciò che era successo, solidarizzare e organizzarsi è stato questione di poche ore.
Nel sito del Corriere c'è un'intervista alla donna che ha avuto a che fare con la vigilessa. Una donna di 27 anni con tre bambini, che non ha tollerato che la vigilessa l'ignorasse, le voltasse le spalle, dopo averle fatto la multa e ritirato il libretto perché scaricava merce per il negozio del padre ...
Il comitato VIVISARPI, con cui sempre discuto, il giorno degli scontri era in "lieve imbarazzo": "E' questo che volevate?" ho chiesto a uno di loro.
Ora i negozi cinesi espongono dei cartelli gialli in cui dicono che anche loro sono cittadini, e che volgiono lavorare, e che anche l'ingrosso è legale (vero). Insomma, non sono degli sprovveduti. Non hanno bisongo di farsi sfruttare da datori di lavoroo italiani: dopo aver pagato ai milanesi cifre folli per bugigattoli umidi coi topi, ora si sono arricchiti e anche i negozi sono più belli (molto carino il supermercato di via Rosmini). Finalino: La sera della rivolta, calmati gli animi, con la polizia e tutto il quartiere per strada, una ragazza si è messa a gridare perché un gruppo di cinesi se ne stava tranquillamente seduto su un marciapiede. Un gruppo di italiani ha protestato contro la ragazza, difendendo i cinesi e dicendo che non sono bestie ma esseri umani come noi (ma va?). La polizia è dovuta intervenire a dividere i due gruppi di italiani.
Se volete aneddoti ... sono qui ...




permalink | inviato da il 14/4/2007 alle 20:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     febbraio        agosto
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE


CERCA